Dalla colonizzazione di queste popolazioni la Sicilia si carica di storia

Dalla colonizzazione di queste popolazioni la Sicilia si carica di storia

Nell’antichità la Sicilia fu sede di una fiorentissima civiltà, dovuta alla colonizzazione greca.

Insediamenti sicilia

Insediamenti sicilia - alberi di arance rosse di Sicilia

Gli agrumeti siciliani devono il loro successo al clima e alla vicinanza al vulcano

Dall’VIII sec. a. C., popolazioni elleniche si stanziarono lungo le coste dell’isola sovrapponendosi ai primitivi abitatori Sicani e Siculi.

Sorsero così le città di Nasso, Siracusa, Catania, Zancle (Messina), Agrigento, Gela.

Su tutte le città ebbe il sopravvento Siracusa, specie dopo la sconfitta inflitta nel 413 a.C. alla gelosa Atene.

Essa fu la principale animatrice della lunga lotta contro i Cartaginesi, che insediati nell’estremità occidentale dell’isola, fondandovi i centri di Mozia, Panormo (Palermo) e Solunto, miravano ad estendere il loro dominio su tutto il territorio.

La Sicilia divenne ben presto terreno di conquista da parte di diverse popolazioni: nel 264 a.C fu conquistata dai romani; nel V sec. d. C. fu invasa dai Vandali e subito dopo dai Goti; nel 535 e per tre secoli, fu sotto l’egemonia dei Bizantini; a partire dall’826 la conquistarono gli Arabi, che le diedero un notevole incremento economico e civile.

Una nuova era di benessere iniziò per la Sicilia con i Normanni, che nominarono come capitale Palermo. La situazione rimase sotto controllo fino alla morte di Federico II, protettore delle arti, ma iniziò ad incrinarsi con la morte di Manfredi.

Da questo momento la Sicilia trascorse un periodo di crisi ed insurrezioni popolari, tra cui la più famosa è quella dei Vespri, con cui il popolo acclamò il proprio re d’Aragona. In questo modo l’isola entrò sotto il dominio spagnolo. Dagli spagnoli passò poi sotto l’orbita dei Savoia, degli Austriaci e poi stabilmente ai Borboni di Napoli che dal 1815 si fregiarono del titolo di re delle Due Sicilie.

L’annessione dell’isola all’Italia risale al 1860, quando Garibaldi sbarcò con le sue truppe a Marsala, sconfiggendo i Borboni. Dal 26 febbraio 1948, la Sicilia é costituita in regione autonoma, con propri poteri legislativi nei limiti delle leggi costituzionali dello Stato italiano.

La Sicilia fu una gloriosa provincia dell’arte greca, la quale vi trovò alcune delle sue più nobili e rappresentative espressioni. Gli scavi hanno portato alla luce lo straordinario patrimonio archeologico, risalente al periodo greco e normanno.

Nel ‘400 i nuovi rapporti politici con la Spagna introdussero le forme fiorite del gotico catalano, che si sviluppò soprattutto nella città di Palermo.

Con il barocco la Sicilia ebbe di nuovo una fioritura artistica rigogliosa che ancora oggi si può ammirare nelle città di Palermo, Ragusa e Catania.

Arance rosse sicilia

Arance rosse sicilia - coltivazione arance rosse di Sicilia

Arance rosse Rosaria, le arance con il nome sul bollino

arance_Rosaria